Biografia

Joe Russo

Joe Russo nasce nel 1944 sotto il sole della Sicilia, dove inizia il suo percorso artistico. Nel 1962 si trasferisce a Milano, dove dal 1966 espone in diverse personali. Nel 1977 gli imperativi della vita lo spingono a partire per l’Africa. Nel 1996 inizia a esporre nuovamente in Italia le sue creazioni.

Oggi, col maestro Davide Foschi, è uno dei soci fondatori del Centro Leonardo da Vinci a Milano. Ha partecipato a importanti mostre come “L’Avanguardia del Movimento 2012-2015” al Museo d’Arte e Scienza di Milano, al Centro Leonardo da Vinci, alla Biennale d’Arte Contemporanea di Massa e Montignoso. Ha esposto a Milano al Festival del Nuovo Rinascimento 2016, a Lucca al Festival del Nuovo Rinascimento 2017.

Le sue opere sono pubblicate nel Catalogo “Davide Foschi-Metateismo”, nel Catalogo della Biennale d’Arte Contemporanea di Massa e Montignoso e nel Catalogo d’Arte Moderna 2017.

Testo critico

Joe Russo: il poema della luce

Tecnica sapiente, sensibilità estetica raffinata, gusto per l’evocazione della libertà fondamentale: sono questi alcuni degli attributi più potenti della poetica di Joe Russo.

Dopo aver sperimentato, negli anni, le tecniche più varie – pittura, scultura e design -, Russo è oggi approdato a un’estetica originale e ben riconoscibile: intessendo i profili dei soggetti rappresentati, l’artista realizza composizioni di figure (umane, animali, fantastiche) la cui silhouette è costruita, con eleganza, attraverso fili “cuciti” sulla tela – o, in altre opere, mediante sagome di luce a led. L’effetto rimanda a un potenziamento immaginifico dell’esperienza della realtà, che appare trasfigurata dallo sguardo dell’artista.

La predilezione per le campiture bianche e gli sfondi eterei evoca atmosfera sovrasensibili, nel tentativo di carpire la potenza estatica della luce e plasmare forme mediante una materia invisibile – quasi un etere postmoderno. Il risultato è una raffinata cesellatura della metamorfosi dei grandi simboli e archetipi della nostra civiltà: un poema della luce.

Luca Siniscalco

Opera

Joe Russo

Inferno - L'angelo caduto (trittico a Dante)

Tecnica mista (tela con cordoncini)

70 x 100 cm